Carrello vuoto
Lunedì, 08 Gennaio 2018 15:32

Il Nido

Il nido Montessori è una comunità di adulti e bambini in cui vengono ospitati i figli di coloro che lavorano o che cercano lavoro.
Il rapporto numerico adulto/bambino non supera i sei bambini per ogni educatrice, ma può essere più basso, soprattutto per i più piccoli.

L’ambiente è pensato per rispondere a due tipologie diverse di bambino, quello fino ai 18-24 mesi e quello dai 24 ai 36 mesi, ovvero i piccoli e i grandi.

Nella stanza dei piccoli sono presenti arredi per lo sviluppo dell’equilibrio (mobili primi passi o pedane e barre), materiali per l’esplorazione sensoriale (cestino dei tesori e materiale goldschmied), materiali per i primi lavori della mano (infilare e sfilare, grandi travasi e piccoli esercizi di vita pratica), e un angolo morbido con mobile e specchio.

Anche nella stanza dei grandi tutto l’arredo è a dimensione di bambino, con una attenzione speciale alle abilità che i piccoli stanno acquisendo nell’area del movimento fine e grosso, della vita pratica e del linguaggio, infatti nell’ambiente si trovano materiali per ognuna delle tre aree, in particolar modo l’area del movimento fine è ricca di attività per il controllo oculo- manuale, infilare e sfilare, aprire e chiudere, avvitare e svitare, allacciare, afferrare, piegare, abbinare e seriare; mentre l’area della vita pratica include utensili (scopette, spazzole, brocchette e catini) utilizzati per pulire, lavare, lucidare o prendersi cura dell’ambiente o di piante e animali; l’area del linguaggio invece è fornita di raccolte di oggetti miniaturizzati, carte per le nomenclature (le parti della pianta o del frutto, gli animali del bosco o della fattoria, la famiglia, la casa, le parti del corpo), libri (con immagini simili alla realtà e storie della vita di tutti i giorni) e ogni giorno le educatrici conducono esercizi di arricchimento del lessico parlando accuratamente e cantando ai bimbi.

L’ambiente generale è illuminato naturalmente e le stanze dei piccoli e dei grandi, la stanza della nanna, i bagni e l’accoglienza sono puliti, curati, sereni, calmi e abbelliti da opere d’arte, soprammobili e piante.

Letto 321 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Maria Montessori profeta di pace - L’educazione come pratica di liberazione e costruzione di pace Maria Montessori profeta di pace - L’educazione come pratica di liberazione e costruzione di pace

    Qual è il ruolo che l’educazione alla pace occupa all’interno del pensiero di Maria Montessori?

    L’educazione alla pace è motivo centrale del sistema educativo della dottoressa e quasi sua corona e fine ultimo, o è, invece, riverbero pedagogico di una delle tante prese di posizione di quella grande donna che lottava contro tutte le sopraffazioni della sua epoca? Quale contributo pacificatore può apportare l’educazione in seno alla società in cui viviamo? L’educazione montessori è ineludibilmente pacifista e irenetica?

  • Maria Montessori è veramente contraria al gioco? Maria Montessori è veramente contraria al gioco?

    Solo ad una lettura sommaria e superficiale si potrebbe pensare che Maria Montessori si fosse schierata contro il gioco infantile. I suoi detrattori si sono fatti quest’idea per il fatto che il gioco è relativamente poco presente nei suoi scritti e, quando lo è, viene presentato in forma critica.

  • MoMo 12 MoMo 12
  • MoMo 11 MoMo 11
Altro in questa categoria: « Domande comuni sul Metodo Montessori